Your browser version is outdated. We recommend that you update your browser to the latest version.

 

21 ^ Edizione

6-7-8 mazo 2020

 

Il Motoraduno per motociclisti gaudenti


 

 

Rally di Cicerenella"

 

Cicerenella

è una famosa filastrocca popolare scritta da autori ignoti nel 1700 e diffusasi in era romantica.

La canzone ha per protagonista una piccola fanciulla chiamata Cicerenella che vuol dire “piccolo cece”.

Alcuni studiosi attualmente hanno ritenuto ambigue e maliziose alcune strofe. In passato le persone anziane consideravano questa canzone una vera e propria tarantella, difatti nel corso dell’Ottocento, Cicerenella, fu diffusa col titolo specifico di Tarantella di Posillipo.

Oggi Cicerenella è molto conosciuta nei vicoli e nei quartieri popolari di Napoli grazie all’interpretazione realizzata dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, e per i fanciulli essa è diventata una piacevole cantilena.

 

Cicerenella

(Testo Popolare)

Cicerenella mia, si' bona e bella!

Cicerenella tenéa nu ciardino

e ll'adacquava cu ll'acqua e lu vino...

Ma ll'adacquava po' senza langella...

Chist'è 'o ciardino de Cicerenella...

Cicerenella teneva na gatta

ch'era cecata e purzí scontraffatta...

La strascenava cu meza codella...

Chest'è la gatta de Cicerenella...

Cicerenella teneva nu gallo

e tutta la notte nce jéva a cavallo...

Essa nce jéva po' senza la sella...

E chisto è lo gallo de Cicerenella...

Cicerenella teneva nu ciuccio

e ll'avéa fatto nu bellu cappuccio...

Ma nu teneva né ossa e né pelle...

Chisto è lu ciuccio de Cicerenella...

Cicerenella tenéa na gallina

che facéa ll'uovo de sera e matina...

Ll'avéa 'mparata a magná farenella...

Chest'è 'a gallina de Cicerenella...

Cicerenella tenéa na pennata,

e, tutta la notte, steva allummata...

E ll'allummava co la lucernella...

Chesta è 'a pennata de Cicerenella...

Cicerenella teneva na vótte:

mettea da coppa e asceva da sotto...

E nun ce steva tompagno e cannella...

Chesta è la vótte de Cicerenella...

Cicerenella tenéa na remessa

e nce metteva cavallo e calesse...

E nce metteva la soja tommonella...

Chesta è 'a remessa de Cicerenella...

Cicerenella tenéa na tièlla,

frijeva ll'ove cu la mozzarella...

e le ffrijeva cu la sarcenella...

Chesta è 'a tièlla de Cicerenella...

Cicerenella mia, si' bona e bella